Usa: la Clinton si autoproclama prima donna candidata alla presidenza

 

Hillary Clinton, stravolgendo ogni regola, dichiara o meglio fa dichiarare – di aver vinto la nomination del partito democratico superando, secondo i calcoli della Cnn, la fatidica soglia di 2.383 delegati.

hillary-clinton

“Secondo le news, siamo sull’orlo di una momento storico, senza precedenti”, ha esultato l’ex first lady durante un comizio in California, poche ore prima del Supermartedi’ di primarie che riguarda anche lo Stato del Sole, ricco di delegati, molti dei quali potrebbero essere favorevoli a Bernie Sanders.

“Siamo vicini ad un momento storico, senza precedenti, ma abbiamo ancora del lavoro da fare…abbiamo 6 elezioni e lotteremo per ogni singolo voto, soprattutto in qui California”, ha dichiarato Hillary durante un comizio a Long Beach. In realtà la nomination avverra’ alla convention di fine luglio, a Filadelfia.

“E’ un peccato che i media, con un giudizio affrettato, stiano ignorando la chiara posizione della Democratic National Committee secondo la quale e’ sbagliato contare i voti dei super delegati prima che vengano effettivamente espressi alla convention la prossima estate”, ha tenuto a precisare Michael Briggs, responsabile della comunicazione dell’altro candidato, Bernie Sanders.

Clinton “non ha e non riuscira’ ad avere il numero minimo di delegati per assicurarsi la nomination. Dipende dai super delegati – ha osservato – che non voteranno fino al 25 luglio e che fino ad allora possono cambiare idea”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -