Migranti, la Commissione Ue regala 60 miliardi di euro ai Paesi africani

 

Per i migranti sarebbero già pronti sessanta miliardi euro.

Euro3

Lo anticipa il  Financial Times, fornendo i dettagli del piano elaborato dall’Unione Europea per fronteggiare l’emergenza immigrazione.

Secondo il quotidiano della City di Londra le istituzioni di Bruxelles stanno preparando accordi con diversi Paesi asiatici ed africani, a cui verrebbero forniti aiuti per contenere e controllare la pressione migratoria diretta verso il Vecchio Continente.

Fra gli Stati che dovrebbero essere oggetto degli investimenti privati ci sono Tunisia, Giordania, Libano, Niger ed Etiopia. Questi ed altri Paesi saranno sostenuti grazie a un fondo in cui saranno raccolti i sessanta miliardi di euro, cui verranno affiancati altri otto miliardi che la commissione Ue pianifica di riallocare in quattro anni partendo da fonti già esistenti.

I dettagli del piano dovrebbero venire resi noti nella giornata di domani.

A Bruxelles pianificano di muoversi nella traccia del progetto presentato dal premier italiano Matteo Renzi con il nome di “migrant compact” e quindi sostenuto dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e dal presidente dell’esecutivo Ue Jean-Claude Juncker. La filosofia sarà quella già adottata per l’accordo con la Turchia: riallocare risorse europee in Paesi terzi per evitare che i migranti arrivano sulle coste europee, favorendo investimenti nei Paesi di origine e di transito dei migranti nella speranza di moderare i flussi.  IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -