Gb, Brexit: pro-UE in caduta libera, gli inglesi vogliono uscire

 

Un nuovo sondaggio lancia con numeri eloquenti l’allarme Brexit a tre settimane dal referendum con cui i britannici decideranno se il loro Paese deve restare in Ue o uscirne.

BREXIT

La campagna per il voto “Leave” (Uscire) continua a strappare potenziali elettori al fronte del “Stay” (Restare), emerge da un ultimo rilevamento Observer/Opinium, secondo cui il no all’Unione raccoglie ora il 43% dei voti a fronte di un 40% di opinioni favorevole a restare nella casa europea.

The Guardian: i pro-Ue sono in caduta libera

Allargando l’analisi alle ultime due settimane, commenta The Guardian, significa che i pro-Ue hanno perso quattro punti percentuali in questo periodo. E non è difficile individuare la causa dell’emorragia nella campagna a tamburo battente condotta dai due leader del campo Brexit, l’ex sindaco di Londra Boris Johnson e il segretario alla Giustizia Michael Gove, incentrata sul problema dell’immigrazione.

Immigrazione fattore chiave per gli elettori

Il 41% degli intervistati ha citato l’immigrazione come uno dei due fattori più importanti nel decidere come votare. Segue un 35% che rivendica l’indipendenza legislativa britannica e il 29% che definisce dirimenti le questioni economiche. La metà dei 2007 consultati per il nouvo sondaggio ritiene che il problema dell’immigrazione sarebbe gestito meglio dalla Gran Bretagna fuori dall’Ue.

TISCALI



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -