Coppie gay, due mamme in Tribunale: denuncia per sottrazione di minori

 

Una coppia gay, due mamme, una separazione, il ritorno in Italia di una delle due con la loro bambina e una denuncia per sottrazione di minore dell’altra, che è rimasta all’estero. Questi gli ingredienti di una vicenda che verrà trattata dal Tribunale dei Minori di Bologna e che vede protagonista una coppia di donne di cui una è madre biologica, entrambe con responsabilità genitoriale, separate dal 2010. A raccontare questa storia che pare, non abbia precedenti (se non con genitori eterosessuali) è l’edizione bolognese del quotidiano La Repubblica.

La mamma biologica della bimba ha deciso di tornare in Emilia dopo la separazione dalla compagna, che continua a vivere negli Stati Uniti e adesso, dopo “il riconoscimento in Italia di un’adozione disposta negli States per due donne lesbiche si dovrà stabilire se sussistono le condizioni per emettere un eventuale ordine di ritorno oppure se la permanenza in Italia rappresenti una maggiore tutela degli interessi della bambina. Si valuterà anche se il quadro normativo consenta o meno di deliberare su un caso del genere”

La mamma rimasta all’estero infatti lamenta non non vedere mai la figlia e ne ha chiesto il ritorno: prossimammente le parti coinvolte affronteranno l’udienza del tribunale. Il prossimo step, dopo che la madre sarà un’udienza alla presenza delle parti coinvolte “il ricorso, tramite l’autorità centrale del suo Paese, è arrivato al ministero della Giustizia e da lì sul tavolo degli uffici giudiziari minorili dell’Emilia-Romagna”.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -