Alla bimba non piace il posto sul bus, Rom pestano l’autista

 

A Castelguglielmo, venerdì scorso, una bambina, seduta sullo scuolabus, chiede all’autista di cambiare posto per poter sedere a fianco dell’amichetta. Al diniego del conducente del pulmino la bimba scoppia a piangere.

Il padre, all’esterno del pulmino insieme allo zio, al nonno e alcuni parenti della bambina, attirato dal pianto della piccola, non ci pensa due volte, sale sul mezzo e inizia a picchiare l’autista sostenuto tra l’altro dalle urla dei familiari.

Gli aggressori, sembra di etnia Rom, potrebbero aver individuato un atteggiamento inadeguato nei confronti della bambina da parte dell’autista: «Questo non corrisponde assolutamente al vero, a bordo c’era anche l’assistente che non ha registrato nessuna parola, nessun atteggiamento sopra le righe da parte dell’operatore. Semplicemente ha invitato la bambina a rimanere seduta».

Inevitabile la chiamata ai carabinieri. Per il malcapitato autista altrettanto inevitabile il ricorso alle cure del pronto soccorso che hanno riscontrato 10 giorni di prognosi per le numerose contusioni riportate.

Resto del Carlino



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -