La polizia mette “in gabbia” Salvini per proteggerlo dai centri sociali

 

Bologna è militarizzata. E la chiusura di una campagna elettorale con così tanta polizia non si vedeva da tempo. I centri sociali da ieri sono mobilitati per “cacciare” Salvini dal capoluogo emiliano. Hanno barricato piazza Verdi con balle di fieno e un lungo presidio.

Il leader del Carroccio è arrivato in Piazza Maggiore alle 18.30, passando dal cortile del palazzo del Comune. Davanti a qualche centinaia di militanti si è imbavagliato e ha attaccato gli antagonisti, il sindaco Merola e ha ribadito di voler chiudere i centri sociali se là Borgonzoni dovesse vincere. “Piazza Verdi diventerà un giardino”, ha detto il leader leghista. Gli 80 mila studenti di Bologna, ha aggiunto il segretario, “non sono rappresentati da 100 figli di papà col portafoglio pieno”. Sulla stessa linea la candidata sindaco, Lucia Borgonzoni: “Quando sarò sindaco, il 19 giugno, queste persone che il più delle volte non sono nemmeno bolognesi verranno cacciati via. Non possono dire a Bologna e ai bolognesi dove un partito può e non può chiudere la campagna elettorale”.

Fuori dalla “gabbia” alcuni contestatori stanno cantando i soliti ritornelli contro il segretario del Carroccio. “Fuori Salvini da Bologna”. La polizia ha arrestato alcuni antagonisti in via Zamboni, dopo alcune colluttazione tra forze dell’ordine e manifestanti. La risposta della Lega non si è fatta attendere: “Sono quattro ragazzetti – ha detto Salvini – non è possibile che non sia possibile fare liberamente un comizio in questa città”. il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -