Germania: funerale in chiesa per un terrorista dell’Isis ucciso in Siria

 

germania-funerale-isis

AMBURGO – Nella chiesa evangelica di St. Pauli ad Amburgo è stato celebrato il funerale cristiano-musulmano di un 17enne tedesco appartenente all’Isis e rimasto ucciso sul campo di battaglia in Siria. Lo riferisce l’agenzia di stampa Dpa.

Il giovane, di cui è stato reso noto solo il nome di battesimo, Florent, era nato in Camerun e poi si era trasferito con la madre in Germania. A 14 anni si era convertito dal cristianesimo all’islam e si era unito ai salafiti scegliendo il nome di “Bilal”. Nella primavera dello scorso anno era volato in Siria, arruolandosi nell’Isis. A luglio era giunta la notizia della sua morte, senza particolari dettagli. Il suo corpo non è stato mai trovato, scrive la Dpa.

L'imam e il pastore che hanno la cerimonia

L’imam e il pastore che hanno officiato la cerimonia (farsa)

La cerimonia, cui hanno partecipato 50 persone fra amici e parenti, aveva suscitato aspre discussioni nella comunità amburghese. È stata celebrata da un pastore e da un imam.

“Con la notizia di questa morte, il terrore è giunto molto vicino a noi – ha detto il pastore Sieghard Wilm - il fatto che oggi siamo qui riuniti non piace a tutti, ma piace a Dio”. Assieme all’imam, Wilm ha detto di aver voluto “dare un segno che violenza e religione non hanno nulla in comune“.  tio.ch

Isis: rifiutano di convertirsi all’islam, quattro bambini decapitati



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -