Attacco di Al-Shabaab contro “il governo apostata”: 15 morti a Mogadiscio

 

Somalia, attacco degli integralisti islamici al Shabaab all’hotel Ambassador di Mogadiscio

shabaab

Almeno 15 morti, nella capitale somala, in seguito a un attacco kamikaze rivendicato dagli Al-Shabaab a un albergo abitualmente frequentato da uomini politici e uomini d’affari, a cui è seguita un’intensa sparatoria. La polizia, che ritiene “probabile” un aggravarsi del bilancio e informa della morte anche di due parlamentari, riferisce di un’auto lanciata contro l’ingresso dell’Hotel Ambassador di Mogadiscio.

“Parlando con l’agenzia di stampa Reuters, un portavoce degli Al-Shabaab ha parlato di attacco rivolto contro “il governo apostata” del Paese. Respinta da Mogadiscio cinque anni fa dall’Unione Africana, la milizia sunnita affiliata ad Al Qaeda ha negli ultimi mesi moltiplicato gli iattacchi anche in Uganda e Kenya.

L’attacco potrebbe essere una vendetta per la morte di Mohamed Mohamud, conosciuto con il nome di Dulyadeyn e considerato la “mente” della strage dell’aprile del 2015 presso il campus universitario di Garissa, in Kenya, costata la vita a 147 studenti cristiani.

Kenya, attacco degli islamisti al campus univesitario: 147 morti, studenti decapitati

Il Kenya accusa: terroristi di Al Shabaab nel campo profughi dell’ONU
Secondo alcune fonti, l’auto su cui viaggiava Dulyadeyn era stata colpita poche ore prima da missili sparati da un elicottero Usa a circa 30 chilometri a nord di Chisimaio. Altre fonti dicono che  il terrorista è stato eliminato da militari somali addestrati dagli americani.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -