Bergoglio: “Dio non disprezza i peccatori”

 

Dio ama tutti gli uomini e non disprezza i peccatori.

bergoglio
Città del Vaticano, 1 giu.- Il fariseo “fa finta di pregare ma riesce solo a pavoneggiarsi davanti allo specchio”, il pubblicano, disprezzato da tutti, “diventa un’icona del vero credente”. Papa Francesco ha preso spunto da una nota parabola del Vangelo per illustrare “qual è l’atteggiamento giusto per pregare”, perché, ha spiegato all’udienza generale in piazza San Pietro, “non basta domandarci quanto preghiamo, dobbiamo anche chiederci come preghiamo”, con “arroganza e ipocrisia” o invece con quella “umiltà” che apre la strada a Dio.”Entrambi i protagonisti salgono al tempio per pregare, ma agiscono in modi molto differenti, ottenendo risultati opposti. Il fariseo prega ‘stando in piedi’, e usa molte parole. La sua è, sì, una preghiera di ringraziamento rivolta a Dio, ma in realtà è uno sfoggio dei propri meriti, con senso di superiorità verso gli ‘altri uomini’, qualificati come ‘ladri, ingiusti, adulteri’, come, ad esempio, – e segnala quell’altro che era lì – ‘questo pubblicano’.

Ma proprio qui è il problema: quel fariseo prega Dio, ma in verità guarda a sé stesso. Prega se stesso! Invece di avere davanti agli occhi il Signore, ha uno specchio. Pur trovandosi nel tempio, non sente la necessità di prostrarsi dinanzi alla maestà di Dio; sta in piedi, si sente sicuro, quasi fosse lui il padrone del tempio! Egli elenca le buone opere compiute: è irreprensibile, osservante della Legge oltre il dovuto, digiuna ‘due volte alla settimana’ e paga le ‘decime’ di tutto quello che possiede. Insomma, più che pregare, il fariseo si compiace della propria osservanza dei precetti. Eppure il suo atteggiamento e le sue parole sono lontani dal modo di agire e di parlare di Dio, il quale ama tutti gli uomini e non disprezza i peccatori. Questo disprezza i peccatori, anche quando segnala l’altro che è lì. Insomma, quel fariseo, che si ritiene giusto, trascura il comandamento più importante: l’amore per Dio e per il prossimo”. (askanews)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -