“Naufragi senza fine”, la retorica del buonismo non regge

 

naufragio libia I minimalisti della questione sbarchi, come il parolaio di Pontassieve, dicono: “wait and see”. Il tempo bello, il mare calmo, gli scafisti assetati di denaro, le grandi masse di migranti in fuga dai loro paesi per le ragioni che conosciamo, c’inducono a pensare che l’estate renderà sempre più difficile e pressante la soluzione del problema. Anzi, parlare di soluzione è più che mai azzardato, vista la chiusura netta di alcuni paesi dell’Ue.

La retorica del buonismo non regge. Ci sono di mezzo le vite di migliaia di persone che si lasciano trasportare da traghettatori di morte sempre più assetati di denaro. Sta accadendo tutto quello che era facile prevedere, mentre si moltiplicano riunioni e dichiarazioni di responsabili, governativi o no, che lasciano allibiti anche gli osservatori più distratti.

“Parlare al momento di emergenza è fuori luogo”, ha detto Renzi. “Il Migration Compact va bene” ora “aspettiamo la fase di concretizzazione” per iniziare a lavorare con i primi paesi della fascia subshariana, interessati a lavorare con la Ue, come il Niger. Se vi sembrano queste dichiarazioni responsabili di un capo di governo, beati voi. E poi, se la prendono coi populismi che esplodono in tutto il mondo, vista l’incapacità dei politici nel risolvere i veri problemi delle grandi masse di poveri.

Le statistiche sono impressionanti, milioni di famiglie nei paesi del benessere rischiano sempre più di passare nella fascia della povertà, mentre l’economia reale è in crisi e la finanza predatrice distrugge i beni e le speranze di tanti.

Guglielmo Donnini



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -