Bologna: addio a Ricordi di via Ugo Bassi: chiude dopo 44 anni di musica

 

bologna-ricordiDal 1972 è sempre stato un punto di riferimento per la musica a Bologna: il negozio dei vinili, poi delle musicassette, infine dei cd e dei dvd. Lo store Ricordi di via Ugo Bassi, come già noto da qualche tempo, questa domenica chiuderà le serrande definitivamente per lasciare il posto a un altro brand di abbigliamento low cost della famiglia di Zara.

Fra gli scaffali vuoti, gli scatoloni e le stanze del piano interrato ormai quasi completamente smantellate si aggirano gli ultimi acquirenti: un po’ per nostalgia, un po’ per approfittare delle offerte pre-chiusura, sono in tanti quelli che sembrano non voler guardare l’orologio temporeggiando fra un cestino e uno scaffale, a caccia del disco giusto.

“Le regole del mercato sono cambiate, soprattutto nel settore musicale – commenta Luca, 50 anni, cliente del negozio Ricordi almeno da 30 – e chiusure come questa comprendiamo tutti che siano inevitabili. Eppure la nostalgia mi assale perchè penso a tutta la buona musica che ho scoperto fra queste quattro mura, i pomeriggi trascorsi a cercare il disco giusto e in ultimo, i recenti giri con i iei figli per comprare dvd e giochi per la Playstation”. Fortunatamente i dipendenti saranno reintegrati all’interno del gruppo Feltrinelli, al quale appartiene Ricordi.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -