Unhcr (ONU) contro la Grecia: trovare migliori alternative per i “profughi”

 

L’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ha espresso oggi “seria preoccupazione per le condizioni al di sotto degli standard” di diversi siti nel nord della Grecia, dove i rifugiati e migranti sono stati evacuati questa settimana dal sito di Idomeni.

“L’Unhcr (che per i aiutare profughi in Grecia ha appena intascato 30 milioni di euro dalla UE)  esorta le autorità greche, con il supporto finanziario fornito dall’Unione europea, a trovare rapidamente migliori alternative“, ha detto a Ginevra la portavoce dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati Melissa Fleming.

Se è vero che a Idomeni, un campo di fortuna, i rifugiati erano ospitati in pessime condizioni ed era necessario trasferirli altrove, le condizioni in alcuni dei siti dove sono portati rifugiati e immigrati sono “ben al di sotto gli standard minimi”, ha affermato.

Alcuni rifugiati sono stati trasferiti in depositi o fabbriche in stato di abbandono, all’interno dei quali le tende sono state disposte in modo troppo ravvicinato, c’è poca aria e le forniture di cibo, acqua, servizi igienici, docce e elettricità sono insufficienti. L’Unhcr, pur osservando che lo sgombero di Idomeni si è svolto senza ricorso alla forza, ha anche espresso preoccupazione per casi di famiglie che risultano separate dopo il trasferimento. (ANSAmed)

Questi sono i sedicenti profughi di cui si preoccupa l’ONU?  Grecia: gang di finti profughi gestiscono bordello a Idomeni

Grecia: i cittadini cominciano ad armarsi contro le violenze dei “profughi”

Grecia: il 70% dei sedicenti profughi è senza documenti

Grecia: proteste dei finti profughi a Lesbo – video

Grecia: (finti) profughi occupano terreni agricoli e bloccano l’autostrada

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -