Morto un mullah se ne fa un altro: la strategia USA non serve a niente

 

Il 22 maggio è stato ucciso il mullah Mansour, leader dei talebani, colpito da un drone Usa al confine tra Pakistan e Afghanistan. Un omicidio mirato che avrà un «impatto rilevante» sul movimento jihadista legato ad al Qaeda, come scrive Jason Burke sulla Repubblica del 23 maggio. Egli infatti era divenuto il capo dei talebani dopo che questi avevano dovuto ammettere la morte del mullah Omar, a lungo tenuta nascosta.

mullah-Mansour

Nel suo articolo, Burke accenna a possibili scenari futuri: la morte del leader potrebbe portare a una lotta intestina tra le varie fazioni armate afghane e a una frammentazione dell’articolato ambito dei talebani, che si indebolirebbero. Ciò potrebbe favorire le forze di contrasto afghane, appoggiate dagli Stati Uniti e dalla comunità internazionale e forse potrebbe favorire quei negoziati di pace finora mai decollati.

E però tale frammentazione, scrive Burke, rischia anche «”di consentire all’Is di stabilire una testa di ponte nel Paese. Finora lo Stato islamico non ha lesinato sforzi per affermare la sua presenza in Afghanistan, ma è riuscito ad attirare dalla sua solo una manciata di comandanti di seconda fascia. È probabile che le cose ora cambieranno»”.

«”Un’espansione dell’Is in Afghanistan – continua Burke – sarebbe uno sviluppo inquietante. I Taleban non sono mai stati coinvolti direttamente in attacchi terroristici al di fuori del paese». Infatti finora loro obiettivi sono stati limitati, «locali». Se invece l’Is «riuscisse a insediarsi in Afghanistan, cercherebbe di usare il paese come base per attentati internazionali, esattamente come ha fatto con la Siria negli ultimi anni”».

Nota a margine. Scenario plausibile quello tracciato da Burke. Che certo non è un mistero per gli analisti della Cia o della Nsa americana. Da capire allora perché tale iniziativa, che rischia di rilanciare l’attivismo dell’Is, proprio ora che ha iniziato a perdere colpi in Siria e Iraq.

E resta il problema di una strategia di contrasto al terrorismo e allo jihadismo internazionale basata su omicidi mirati buoni per la propaganda quanto inutili ai fini di contrasto del terrorismo: morto un mullah se ne fa un altro e il Terrore globale prolifera.

Eppure da decenni si persegue in questa vana strategia, mentre sarebbe molto più utile usare risorse e intelligence per prosciugare le fonti di finanziamento del Terrore. Si tratta di scelte non certo improvvisate, che suscitano non pochi interrogativi.

I taliban hanno sostituito al Mansour, il loro leader ucciso da un drone americano ai confini tra Pakistan e Afghanistan. e la scelta è caduta sul “religioso” Haibatullah Akhondzada. Suoi luogotenenti uno dei tanti signori della guerra afghani e il figlio maggiore del mullah Omar, scelta che lega la nuova generazione di capi alla vecchia.

Haibatullah Akhondzada

Haibatullah Akhondzada

A darne notizia Giordano Stabile sulla Stampa del 25 maggio, ma è ancora presto per capire se la nuova leadership riprenderà i colloqui di pace con il governo o meno (il mullah Omar aveva accettato un negoziato). Come è presto per dire se l’Isis, che ha lanciato un’Opa ostile sulle milizie del terrore afghane legate ai Taliban, trarrà qualche giovamento dalla nuova situazione in termini di penetrazione nel territorio. Se riuscisse la conflittualità afghana, finora confinata, dilagherebbe, minacciando in particolare Russia e Cina.

Al di là delle incognite sul futuro, interessante una notazione di Stabile riguardante il precedente capo dei Taliban. Infatti molte polemiche sono state sollevate riguardo la «libertà di movimento in Pakistan di Mansour, ufficialmente uno dei terroristi più ricercati al mondo. Si spostava tranquillamente con un passaporto pachistano e aveva fatto 31 viaggi all’estero, compreso in Europa».

 In un’altra nota avevamo scritto che la strategia di contrasto al terrorismo basata sugli omicidi mirati, oltre che più che discutibile date anche le tante vittime civili provocate, non serve a nulla. La subitanea sostituzione del capo taliban lo prova ulteriormente. Colpisce e suscita domande l’ostinazione con la quale da decenni si persegue tale via piuttosto che cercare altre strade, come ad esempio il prosciugamento delle fonti di finanziamento.

Colpisce inoltre la libertà di manovra del leader taliban segnalata da Stabile. Mansour non è stato l’unico, né l’ultimo agente del terrore a godere di tale privilegio. Solo una delle tante ambiguità che rendono così difficile contrastare il Terrore globale.

Davide Malacaria  Picole Note

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -