Islam, saudita spara al medico che ha fatto partorire la moglie

 

26 mag. – Un uomo spara con la sua pistola un ostetrico che aveva appena fatto partorire sua moglie. E’ quanto è successo nell’ospedale re Fahad di Riad capitale dell’Arabia saudita, Paese arabo che adotta come propria costituzione un documento chiamato “Sistema Fondamentale di Governo”, diviso in nove capitoli e composta da 83 articoli tutti basati su un’interpretazione salafita della Sharia, ovvero la legge islamica.

La vicenda è raccontata oggi da un sito web saudita e ripresa con grande risalto dai media in Giordania, paese di origine della vittima. Secondo quanto riferisce il sito saudita Sabq.org, il marito geloso il cui nome non viene rivelato “si è presentato al medico fingendo di volerlo ringraziare per avere fatto partorire sua moglie”. L’uomo, prosegue il sito, “ha quindi convinto la sua vittima a fare insieme una passeggiata nel giardino dell’ospedale che in quel momento era pieno di bambini che giocavano, quando ha estratto una pistola sparando alla sua vittima prima di dileguarsi”

Il referto medico ha stabilito che “la pallottola, entrata dal braccio sinistro, ha perforato un polmone fermandosi nella spalla destra”. L’incidente, secondo Sabq è avvenuto qualche giorno fa ma solo oggi la polizia ha arrestato il marito che ha spiegato così il suo gesto: “L’ho fatto perché non doveva essere lui a operare mia mia moglie ma un medico donna“. Secondo i medici, l’ostetrico di nazionalità giordana ricoverato nello stesso ospedale, “è in condizioni stabili”.  (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -