Piacenza: principe salafita del Qatar si fa passare per “moderato”

 

Principi del Qatar in città: «I centri islamici in Italia sono fari per l’Islam moderato»

qatar-moschee

«E’ la prima volta che visitiamo Piacenza, siamo molto interessati alle città italiane sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista sociale e religioso. Per questo abbiamo finanziato questo centro e tanti altri in tutto lo stato: sono fari per l’Islam moderato, l’Islam vero. Queste comunità sono cittadelle di trasparenza, ben riconoscibili e conosciute dalle autorità e dalla società che non ha nulla da temere perché le nostre porte sono sempre aperte. Con questi progetti, che continueremo a finanziare, siamo certi di aiutare anche il popolo italiano nella conoscenza dei musulmani. E non finanziamo persone che hanno certi tipi di pensieri poco corretti»

A dirlo il principe sceicco Khalifa Ben Abdelaziz Al Thani in visita al Centro Islamico di via Caorsana nella serata del 24 maggio, insieme a una delegazione ai massimi livelli del Qatar accompagnati dalla Fondazione Qatar Charity che ha contribuito direttamente a finanziare per la maggior parte dei fondi. Presenti anche il principe sceicco Hamad Bin Nasser Al Thani, ex-ministro degli interni e attuale segretario generale del Consiglio dei Ministri dello stato del Qatar, e il principe sceicco Meshael Bin Salman Bin Jassim Al Thani, tutti appartenenti alla famiglia Al Thani, che già prima dell’indipendenza dello stato del Qatar nel 1971, regnava sul paese.

Da notare la presenza del presidente nazionale dell’Ucoii (Unione delle Comunità Islamiche d’italia) e imam di Firenze, Izzedin Elzir. Dopo l’inaugurazione della targa che ringrazia il Qatar e la città di Piacenza, la cena di gala con le autorità civili, militari ed economiche piacentine. Durante la serata sono stati premiati tutti i personaggi e gli enti che hanno contribuito alla realizzazione della sede della Comunità Islamica. Un premio speciale è stato consegnato, oltre ai donatori del Qatar, all’architetto Luigi Baggi che ha progettato l’intero sito di via Caorsana, ex-capannoni ora riqualificati e trasformati in sede polifunzionale dedicata alle attività.

ilpiacenza.it

Cole Bunzel, esperto in teologia ISIS, spiega: “I Salafiti si considerano gli unici veri musulmani e ritengono che chi pratica la cosiddetta ‘grande idolatria‘ sia al di fuori dei limiti della fede islamica”.

ISIS applica quel genere di salafismo che concede licenza di violenza contro tutti quelli, tra cui i fratelli musulmani, che non condividono il punto di vista salafita.

Il Qatar è uno dei due stati salafiti nel mondo musulmano, insieme con l’Arabia Saudita

ISIS è l’islam e sostiene la visione apocalittica di un jihad globale

Il Qatar è sunnita, ovvero lo stesso ilsam dell’Isis

islam-arabia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -