Schiavi bambini: piccoli profughi siriani sfruttati nelle fabbriche tessili turche

Gli schiavi bambini. Piccoli profughi siriani nelle fabbriche tessili turche. La prima parte dell’inchiesta di Valentina Petrini e Gabriele Zagni

Succede in Turchia, in quella Turchia che da anni preme per entrare nell’Unione Europea e cui la stessa Ue ha appena dato sei miliardi di euro per trattenere i migranti irregolari. Grazie a un notevole reportage di Valentina Petrini e Gabriele Zagni per PiazzaPulita, scopriamo una realtà da tempo denunciata da molte associazioni che si battono per il rispetto dei diritti umani.

Nelle città turche più vicine al confine siriano le fabbriche di abbigliamento impiegano bimbi di appena otto anni in lavori pericolosi e senza alcuna tutela. Bambini in fuga dalla guerra civile siriana seduti per ore alla macchina da cucire o al banco per produrre scarpe da ginnastica poi rivendute nei nostri mercati a pochi euro.

Il mercato è fiorente perché la manodopera non manca e un bambino può costare fino a sette volte meno di un lavoratore adulto. Le telecamere del programma di Formigli smascherano un imprenditore turco che confessa candido “la polizia qui non entra”. Difficile stupirsi, considerando che il tessile rappresenta il 7% del Pil della Mezzaluna.

Peccato che questa ricchezza, almeno in parte, sia prodotta da bambini-schiavi con le mani blu per le tinture tossiche che sono costretti a maneggiare ogni giorno. Che mormorano: “Vorrei diventare dottore, ma ora devo mantenere la mia famiglia. Studierò alla fine della guerra.” il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -