Manocchia replica alla presidente della comunità ebraica di Roma

 

Armando Manocchia

Armando Manocchia

Oggi la candidata sindaco di FdI, Giorgia Meloni,  – in occasione dell’anniversario della morte di Almirante – ha affermato che in caso di elezione in Campidoglio intitolerà una strada a quello che definisce “un uomo che è stato fondamentale nella storia della destra italiana e nella storia della politica italiana”.

Immediata la replica della presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, che ha dichiarato: “Lo ripetiamo per chi lo avesse dimenticato: mai una via a Roma per chi come Almirante collaborò alla ‘Difesa della Razza’ senza pentirsene“, affermazione che non corrisponde a verità, in quanto Almirante rigettò completamente  le sue affermazioni negli anni ’5o.

Sulla stessa linea della Dureghello anche l’ANPI:  “E’ una proposta inaccettabile, irricevibile e assurda”. Per il presidente dell’ Anpi Roma, Fabrizio De Sanctis, “è un’idea negativa e pessima”.

Armando Manocchia, che è sempre stato vicino a Israele e distante sia dai fascisti rossi che neri,  si chiede perchè la Dureghello non si lasci sfuggire l’occasione per alimentare l’antisemitismo e perché non abbia rilasciato analoghe dichiarazione sulle numerosossime vie dedicate ai comunisti, che con gli ebrei furono feroci quanto i nazisti.

Da fonti storiche si apprende che, tra il ‘34 e il ‘39,  in URSS furono chiuse  quasi tutte le istituzioni culturali ebraiche e quasi 500MILA ebrei furono deportati in Siberia dalla Polonia orientale, dalla Bessarabia e dalla Bucovina. Molti di loro morirono durante il viaggio e altri nei gulag.

Scrive GIAMPAOLO VISETTI su Repubblica:

Esiste in Russia documentazione fotografica sui lager nazisti, o sulle fucilazioni di massa degli ebrei? «Nemmeno una foto. Il comunismo, a differenza del nazismo, non è crollato alla fine della Seconda guerra mondiale. Sul territorio sovietico non furono mai costruiti lager. I nazisti non avevano bisogno di nascondere nulla. Le fucilazioni avvenivano sotto gli occhi di tutti. L’ Urss ha poi distrutto tutti i documenti compromettenti»

Hitler negli anni Trenta studiò i metodi repressivi di Stalin. Li ammirava e li adottò, rendendoli poi più sofisticati.

Armando Manocchia, che inorridisce davanti a ogni genere di crimine – passato e presente – si chiede perché, ancora oggi, si guardi sempre con un occhio piu’ benevolo e meno accusatorio alle stragi rosse e perché si tenti di celare o sminuire le responsabilità storiche sugli orrori del comunismo.

Armando Manocchia – -  @mail



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -