UE: prima intesa con la Turchia per la liberalizzazione dei visti

 

Il Consiglio Ue ha concordato una posizione comune sull’attivazione di un freno d’emergenza per la sospensione dell’esenzione dei visti. Si apprende da fonti Ue. L’approccio sarà adottato al consiglio Interni di domattina a Bruxelles come ‘punto a’, cioè senza necessità di ulteriori discussioni. L’intesa è la base per poter negoziare un accordo con l’Europarlamento non appena l’assemblea avrà trovato, a sua volta, una posizione comune. Per gli Stati membri l’accordo sul cosiddetto ‘freno d’emergenza’ è un elemento fondamentale, prima di arrivare alla liberalizzazione dei visti per la Turchia nell’area Schengen, uno degli elementi centrali e controversi dell’intesa tra l’Unione e Ankara di marzo, per gestire i flussi migratori.

L’approccio comune mira a snellire un meccanismo già esistente e si basa sulla proposta presentata dalla Commissione Ue il 4 maggio scorso, con contributi mutuati anche dalla lettera inviata nelle settimane scorse da Francia e Germania. Il freno di emergenza per lo stop all’esenzione dei visti potrà essere attivato, ad esempio, nel caso si dovesse verificare una diminuzione nella cooperazione del Paese terzo a riammettere cittadini di altri Stati transitati dal suo territorio. Ma anche in caso di un aumento dei rischi per l’ordine pubblico o la sicurezza interna, e in particolare con un aumento sostanziale di crimini gravi o attacchi terroristici legati al Paese in questione. ansa europa



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -