Turchia, giornalista violò la segretezza sul traffico di armi in Siria: le tolgono i figli

 

erdogan-isis

Ankara – La ‘giustizia’ turca, sempre piu’ piegata ai voleri del governo, continua a spegnere ogni espressione della liberta’ di stampa. L’ultima vittima e’ la reporter Arzu Yildiz condannata non solo a 20 mesi di carcere ma soprattutto alla perdita di potesta’ sui due figli. La giornalista e’ stata giudicata colpevole di aver violato la segretezza di un’udienza a porte chiuse pubblicando a maggio del 2015 il video del processo a 4 giudici che avevano ordinato la perquisizione dei camion degli 007 turchi (Mit) sorpresi a consegnare armi ai jihadisti al confine con la Siria nel 2014.

Si tratta dello stesso caso che ha portato – in un processo separato – alla condanna del direttore e del caporedattore del quotidiano Cumhuriyet, Cand Dundar e Erdem Gul rispettivamente a 5 anni e 10 mesi di reclusione il primo e 5 anni il secondo. Il legale della reporter ha sostenuto che “si tratta di un atto di vendetta” perche’ la misura accessoria della revoca delle potesta’ dei figli e’ si’ prevista dal codice penale turco ma raramente applicata. Contro la sentenza di primo grado sara’ presentato appello. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -