Il politologo russo Dugin espulso dall’Unione Europea

 

[...]  Il famoso politologo russo Alexander Dugin è stato rifiutato dalla Grecia. Arrivato all’aeroporto di Thessaloniki, gli è stato comunicato che il suo ingresso all’interno di tutti i territori della Ue gli è interdetto. I motivi concreti di questa scelta non sono però stati resi noti dalle autorità.

aleksandr-dugin

Dugin, accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill avrebbo dovuto recarsi sul Monte Athos per una conferenza religiosa. Al politologo non è restata altra alternativa che il rimpatrio.

L’azione del governo greco è in palese violazione di ogni diritto giornalistico e di ogni norma internazionale. Nessuna di esse, infatti, prevede l’interdizione di una persona da un intero continente senza che questa abbia commesso alcun reato. Secondo il diretto interessato si tratta di una decisione ideologica della Ue messa sotto pressione dalla diplomazia americana. Dugin è infatti un acerrimo nemico dell’ideologia neo-liberale di stampo americano, che tenta di combattere tramite la diffusione della Quarta Teoria Politica, una dottrina da lui teorizzata che affonda le proprie radici nella sintesi tra la destra e la sinistra.

Episodi come questo non sono però nuovi e, come già detto, hanno contraddistinto le relazioni russo-statunitensi dell’ultimo decennio. L’elemento di novità e semmai rappresentato dal fatto che l’Unione europea in quanto istituzione neghi la libera circolazione di una persona munita di regolari visti all’interno dello spazio Schengen.

@luca_steinmann1 il giornale

Intervista al Prof. Alexandr Dugin in esclusiva per Imola Oggi

Secondo Grillo, che non vede al di là del suo naso, il problema sarebbero Forza Nuova e Casapound?

Sulle prossime elezioni, il leader del Movimento dice: “La battaglia è all’ultimo sangue. Ce la giocheremo tutta. O in un anno gli italiani decidono di darci una possibilità, o ce ne andiamo a casa”. Ma avverte – con un discorso toccato più volte, anche nei libri scritti insieme a Casaleggio – “c’è un pericolo, se andiamo a casa noi: come in tutta Europa arrivano le destre quelle forti. Noi abbiamo arginato Forza Nuova, Casapound ma in tutta Europa si sta riformando il nazismo”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -