Siria, al Qaeda lancia la sfida all’Isis: un emirato contro il califfato

 

SIRIA – E se il nemico numero uno dell’Isis fosse … al Qaeda? Secondo diversi funzionari statunitensi ed europei dell’intelligence e dell’antiterrorismo, il gruppo fondato da Osama bin Laden, ormai “marginale” in Pakistan da un decennio di raid con i droni della Cia, avrebbe deciso di rafforzarsi in Siria, dove avrebbe già spedito più di una dozzina dei suoi membri più esperti.

AL NURSA CONTRO L’ISIS – Secondo le fonti del New York Times, la decisione riflette la crescente importanza della Siria per l’organizzazione e presagisce un’escalation nella rivalità con l’Isis. I leader di al Qaeda vorrebbero costituire in Siria un quartier generale alternativo e porre le basi per costituire un emirato attraverso gli affiliati del Fronte al-Nusra, che ora si presentano come forza alternativa all’Isis. La creazione di un emirato sarebbe una novità significativa per al Qaeda, che potrebbe più facilmente reclutare combattenti da Iraq, Turchia, Giordania e Libano, e una nuova minaccia per Stati Uniti ed Europa.

LA CIA E NON SOLO – Il nuovo progetto di al Qaida ha allarmato Washington e le maggiori capitali europee. “Abbiamo distrutto una grossa parte di al Qaida” ha detto John Brennan, che dirige la Cia, alla Nbc. “Non è completamente eliminata, per cui dobbiamo restare concentrati”.

Uno degli uomini che preoccupano di più è Saif al-Adel, membro del consiglio direttivo di al Qaeda, che supervisionò il gruppo subito dopo la morte di bin Laden, nel 2011. Adel è stato rilasciato quest’anno insieme ad altri quattro importanti membri di al Qaeda dall’Iran, nell’ambito di uno scambio secreto di prigionieri, visto che un diplomatico iraniano era prigioniero di una branca di al Qaeda in Yemen; non si sa dove Adel si trovi al momento. Ex colonnello dell’esercito egiziano, l’uomo è sulla lista statunitense dei 50 terroristi più ricercati; per la cattura di Adel, accusato degli attentati alle ambasciate statunitensi in Tanzania e Kenya nel 1998, è prevista una taglia di 5 milioni di dollari.“

www.today.it



   

 

 

1 Commento per “Siria, al Qaeda lancia la sfida all’Isis: un emirato contro il califfato”

  1. Con quali pattuglie.??? Sono anni che tutti i giorni giovani dai 14 ai 38 Siriani fuggiti dalla Sieria , Venuti da Noi e U.E.-
    Colgo l’occasione di dire ; I Siriani vadano in Siria a combattere il Califfato e dal giorno X. considerati disertori in Italia ed U,E. . Non piu’ profughi.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -