Il Pd accusa Grillo di xenofobia per una battuta

 

ROMA – Una battuta di Beppe Grillo sul nuovo sindaco di Londra, Sadiq Khan, di origini pachistane e religione musulmana, scatena un nuovo vespaio di polemiche sul M5S da parte del Pd, il partito con maggior numero di indagati e imputati d’Europa e forse del mondo.

Allo spettacolo di Padova il comico, che ha sposato un’iraniana,  prima sottolinea come un fatto straordinario e positivo che “un bangladesciano” sia stato votato con tanto entusiasmo come primo cittadino della capitale britannica.

 La Fabian Society e il sindaco di Londra: lupo travestito da agnello

Ma poi conclude “voglio poi vedere quando si fa saltare in aria a Westminster…“. Una battuta che fa scattare la reazione del Partito democratico, e non solo. “Il razzismo e il qualunquismo di Beppe Grillo non fa ridere e offende persone integrate e elettori liberi”, dice il capogruppo Dem alla Camera Ettore Rosato, mentre Alessia Morani accusa il movimento e la candidata a Roma di “xenofobia”. Insomma, sottolinea il candidato sindaco del Pd a Roma Roberto Giachetti, “Grillo non fa ridere”. ansa



   

 

 

1 Commento per “Il Pd accusa Grillo di xenofobia per una battuta”

  1. Per i comunisti vale solo la satira di Vauro. Agli altri é vietato esprimere le proprie opinioni, anche in modo ironico. Razzisti e intolleranti con gli altri, hanno sempre dimostrato di esserlo quelli di sinistra.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -