Dittatura finanziaria, Brexit: l’agenzia Fitch ricatta la GB

 

ROMA, 16 MAG – Fitch non si aspetta “immediate azioni sul rating” come conseguenza di un eventuale addio della Gran Bretagna all’Unione europea, ma “azioni negative” diventerebbero più probabili nel medio termine ed è possibile un allargamento degli spread della ‘periferia’. Lo si legge in una nota dell’agenzia di rating, pronta a rivedere il merito di credito inglese dopo il referendum del 23 giugno.

I paesi più a rischio sono quelli con maggior export verso Londra: Irlanda, Malta, Belgio, Olanda, Cipro e Lussemburgo. Spagna, Francia e Germania dovrebbero fare i conti con i “considerevoli legami” con il sistema bancario inglese. Brexit, infine, potrebbe “precipitare” una secessione della Scozia, con un possibile effetto traino altrove, ad esempio in Catalogna. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -