Iran: gli USA impediscono alle banche europee di lavorare con noi

 

iran-Abbas-Araghchi15 mag. – Le grandi banche europee restano riluttanti a lavorare in Iran anche se sono passati già quattro mesi dalla revoca delle sanzioni internazionali a Teheran nell’ambito di un accordo sull’uso del nucleare. Lo denuncia il vice ministro degli esteri iraniano Abbas Araghchi, intervistato dall’emittente IRIB.

“Le principali banche europee – ha detto – non hanno ancora iniziato le loro interazioni con le banche iraniane, anche se alcuni istituti finanziari di medie e piccole dimensioni hanno stabilito relazioni, tra cui l’apertura di lettere di credito”. Il vice ministro ha poi accusato “gruppi di pressione estremisti” negli Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita di fomentare animosità nei confronti dell’Iran per evitare che siano raccolti i frutti dell’accordo nucleare punto di riferimento siglato lo scorso luglio.

Iran, Rohani: ci devono 2 miliardi di dollari, porteremo gli Usa in tribunale

Quando l’accordo è entrato in vigore a gennaio, Washington ha revocato le sanzioni direttamente connesse al programma nucleare di Teheran, ma ha mantenuto altri imposti sul suo programma di missili balistici e il suo presunto sostegno di gruppi di “terrore”. Diverse banche europee hanno ricevuto enormi multe negli Stati Uniti in passato dopo essere state giudicate colpevoli di aver violato le sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran. (con fonte Afp)



   

 

 

1 Commento per “Iran: gli USA impediscono alle banche europee di lavorare con noi”

  1. Consiglio di stare un attimo calmi all iran medio oriente potreste fare molto di piu’ – a voi serve poco e niente
    Ermelinda Mangiavini reali e nobili
    Brandico Brescia italia ue

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -