“Gli spacciatori stranieri sono aggressivi. Ci circondano e ci minacciano”

 

polizia_spaccio«Quando fermiamo uno straniero, subito veniamo circondati da suoi connazionali. Ci danno dei razzisti, ci minacciano e noi siamo costretti a scappare». Siamo in Gad, l’ex fiore all’occhiello di Ferrara, e chi parla questa volta non è un residente esasperato, una donna picchiata, un giovane scippato. No, questa volta a parlare è chi, ogni santo giorno, al Gad è costretto ad intervenire per lavoro, a sedare risse, a rincorrere il pusher di turno: un poliziotto delle Volanti, che ci ha chiesto di mantenere l’anonimato.

La situazione oggi in Gad è…

«Sotto gli occhi di tutti, inutile negare il problema, minimizzare, nascondere la testa sotto la sabbia. Il problema è enorme. La situazione è così da tanti anni, troppi anni, non solo ora perché si torna a parlarne. L’unica differenza, rispetto al passato, è che oggi ci sono molte più segnalazioni. Mentre prima chi subiva stava zitto».

Le risse

«Tunisini e marocchini contro nigeriani per il territorio. Il problema è che queste persone oggi hanno capito la nostra impotenza».

Ovvero?

«Sanno che in Italia, se querelano un poliziotto, una volta su cinque la vincono. Così su due operatori, uno esce dalla macchina e filma ogni cosa per tutelarsi». [...]

Leggi il seguito su Resto del Carlino



   

 

 

1 Commento per ““Gli spacciatori stranieri sono aggressivi. Ci circondano e ci minacciano””

  1. Dopo la Polizia Cinese. Sarebbe bene invitare la Polizia della Tailandia. per gli spacciatori.!-

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -