Basta con la vigliacca e disgustosa violenza dei centri sociali

 

Guardate italiani. Guardate. Perché in questo Paese nessuno, proprio nessuno, potrà scagliare la prima pietra, ma l’ipocrisia di Stato, la retorica di regime e la mera salvaguardia di determinati ambienti, di determinate logiche, iniziano sinceramente ad essere disgustosi

 

Centro sociali, o chi per loro. Non li vedrai mai assaltare una banca, in nome dell’anticapitalismo, in pieno giorno, in pieno centro, fuori da un corteo, magari a volto libero e in quattro. Figurarsi. Evidentemente, nei più loschi e bassi meandri della sinistra oltranzista, anacronistica, la violenza, somministrata in dosi costanti assieme alla codardia, è antica abitudine. Parte ieri, come quando qualcuno pensò di andare oltre, dando fuoco ad un appartamento a Primavalle, uccidendo due giovanissimi fratelli, i Mattei, distruggendo una famiglia, o come quando i bravi studenti modello universitari decisero di aspettare sotto casa un giovanotto che non la pensava come loro, Sergio Ramelli, e di spaccargli la testa con una chiave inglese Hazet 36, ammazzandolo; prosegue oggi, tra vetrine fracassate, libri strappati, estintori lanciati, agenti feriti o all’angolo della strada, volto coperto, casco in testa, cinquanta contro venti o cento contro quattro. La matematica è un’opinione: la loro. Da sempre.

Nessun dialogo, nessun avvertimento, nessun senso. Questa è rivoluzione, è idea o frustrazione?

In questo triste Paese, nessuno può scagliare la prima pietra. Eppure è l’ora di dare una risposta forte e definitiva a tutto questo. Pretendo l’indignazione di Matteo Renzi e di Laura Boldrini, di Emanuele Fiano, campioni del piagnisteo e della messa al bando di pensieri, parole, opere e omissioni; campioni del rispetto, della tolleranza, della gioia arcobaleno.

Roma. “Nel corso di un’attività di propaganda elettorale presso uno dei banchetti di Casapound, in via dell’Acqua Bullicante, presidiato dalle forze dell’ordine, un gruppo di circa 20 estremisti travisati e armati di bastone ha attuato un’azione violenta di disturbo, contenuta dagli agenti presenti. Nell’occasione 4 operatori di polizia hanno riportato lesioni. Nel corso dell’intervento i facinorosi hanno sottratto alle forze dell’ordine un fermato. Sono al vaglio degli investigatori gli elementi già acquisiti per l’identificazione dei responsabili” (Il Messaggero). Nel corso degli scontri ha riportato diverse ferite anche un giovane disabile che era presente al gazebo assieme ai militanti di CPI.

Pretendo una risposta: Cos’è democrazia? Cosa è fascismo oggi? Perché costoro, senza uno scopo, senza una meta, senza voglia e senza interesse, i rivoluzionari del bivacco sociale, in qualche sporca maniera devono sempre farla franca? Perché ancora si possono permettere di fare tutto questo?

Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Pertanto, chiedo al mio Paese una reazione, chiedo l’inasprimento delle pene per chi, ancora oggi, esercita violenza politica gratuita. Chi lo fa, lo farà a suo rischio e pericolo. Soprattutto nella dorata terra della plastica, dell’ipocrisia e dell’asservimento. Degna rappresentazione di una terra morente.

Non ho una tessera di CasaPound, né l’ho mai avuta. Io non sono un militante di CasaPound, sono un individuo libero.

dal blog di Emanuele Ricucci – - il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -