Sbarcano 1000 immigrati, ora partono anche dall’Egitto

 

sbarchiUna nuova ondata di immigrati punta alle coste italiane. Partono dai porti egiziani, e non più soltanto da quelli libici. Nelle ultime ventiquattr’ore la Guardia Costiera Italiana ne ha prelevati 1000. È il risultato della chiusura della rotta balcanica e, secondo alcuni analisti sentita da Repubblica, dello scontro in corso tra Palazzo Chigi e il Cairo sull’omicidio di Giulio Regeni. E dal Viminale arriva un allarme preoccupante: “Potrebbe essere l’inizio di una nuova ondata destinata a ingrossarsi con l’arrivo dell’estate”.

Ad Augusta è arrivata la nave della Guardia Costiera “Peluso”. A bordo ci sono 342 persone. Altri 250 immigrati sono stati soccorsi dalla nave Merkarhu e sbarcheranno nel porto di Catania. Un’altra nave, la “Rio Segura” con a bordo 173 immigrati è stata dirottata verso il porto di Palermo. Una terza, la Acquarius che ha a bordo 233 , ha ricevuto l’ordine di attraccare al porto di Crotone.

I casi di partenze dalle coste egiziane sono in continuo aumento. “Addestriamo agenti egiziani dedicati ai controlli di frontiere e abbiamo nostri operatori in Egitto – assicurano dal Viminale – con il Cairo abbiamo un buon accordo bilaterale per la riammissione dei migranti economici”. Qualcosa, però, nei rapporti tra i due governi si è rotto. “Non vorremmo che il caso Regeni e le tensioni tra i due Paesi spingessero le autorità egiziane a chiudere un occhio sulle partenze dalle loro coste”, avvertono i servizi italiani che, già un mese fa, avevano rilevato partenze da zone non egiziane, ma fino a quel momento “controllate” dalle forze di polizia del presidente egiziano Abd al-Fattah al-Sisi. “È un segnale – avevano detto – che qualcosa si sta rompendo”IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -