Nozze gay, prete suona le campane a morto a Carovilli

 

nozze-gay

Campane a morto per  il “funerale del matrimonio tradizionale”. Le ha suonate per l’intera giornata, a intervalli regolari, don Mario Fangio, parroco di Carovilli (Isernia).

“Oggi – ha detto don Mario – è morta un’istituzione secolare. Con la legge delle unioni civili la gente è disorientata perché pensa, essendo essa una legge, che sia una cosa buona”.

I fedeli si sono recati in chiesa per chiedere chi fosse morto. E a loro lui ha risposto così: “Non è morto nessuno, è morto il matrimonio”. Le medesime parole sono state stampate sul manifesto esposto contro il ddl Cirinnà: “Annuncio funebre, sono morti il matrimonio e la famiglia. Una prece per chi ne è stata la causa“.

Don Mario ha detto di aver ricevuto la solidarietà di molti parrocchiani



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -