Si apre il vertice anti corruzione a Londra

 

kerry-camoeronVertice anti corruzione oggi a Londra. Il premier britannico David Cameron accoglie i rappresentanti di una cinquantina di paesi, il Segretario di stato John Kerry per gli Stati uniti. Fra loro anche gli inviati di Afghanistan e Nigeria, definiti incredibilmente corrotti, da Cameron, che è stato costretto a rimangiarsi le parole. Tanto più che il Regno unito non è esente da ombre. Diversi territori sono ritenuti paradisi fiscali. Come l’isola di Jersey .

Non è più così dice il vice capo del governo locale Jersey Philip Ozouf: Le autorità sanno automaticamente il nome di chi apre un conto in banca a Jersey, quindi non ci sono segreti. Jersey non è un paradiso fiscale. È una definizione da relegare nei libri si storia.

Troppo facile dice il professor Richard Murphy dell’Università di Londra, secondo il quale l’isola ha ancora tutte le caratteristiche di un paradiso fiscale:

Un paradiso fiscale crea una legislazione a favore di persone che non risiedono sul posto. Il segreto impedisce l’identificazione dei conti. Questa è la definizione e questo è quello che fa Jersey, ossia una bassa pressione fiscale a beneficio di non residenti, danneggiando il fisco di altri paesi.

Cameron dovrebbe fare comunque un passo, preannunciando che le società straniere che abbiano proprietà in Gran Bretagna dovranno rendere pubblici i propri averi in un apposito registro a partire dal prossimo mese.

Di Lilia Rotoloni – EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -