Gli affari sono affari: preti e politici sfrattano disabili per accogliere immigrati

 

Palermo – L’Istituto per Sordi “Annibale Maria Di Francia” di via Castellana (Borgonuovo), già al centro delle polemiche per la sua chiusura a causa dell’assenza dei finanziamenti della Provincia, potrebbe diventare un centro per migranti, condannando, di fatto, dei bimbi disabili a restare senza alcuna assistenza. Lo scrive Francesco Vozza (Noi con Salvini) sul suo sito personale

disabili-palermo

Racconrta Vozza: Questa è la denuncia di una madre disperata, che, sul suo profilo Facebook, racconta la storia dell’agonia dell’Istituto gestito dalla Congregazione dei Padri Rogazionisti e sostenuto economicamente, fino a qualche tempo fa, dalla Provincia. I soldi, però, sembrano essere finiti o almeno così dicono i politici. Eppure, racconta ancora la madre (G.S. sono le sue iniziali) “quella stessa Congregazione sta solo valutando altre opzioni di sovvenzione da parte di altri enti, per poter cambiare completamente il fine di utilizzo del famoso Istituto per Sordi. E chissà, magari si potranno accogliere immigrati che fanno sempre comodo. Quegli stessi immigrati che oggi, sulla cresta dell’onda della sofferenza e del malessere da cui fuggono, non vengono più visti come persone in grave difficoltà, ma solo come fonte pecuniaria.”.

All’interno del suo lungo messaggio, la signora chiede anche di condividere il più possibile il post per aiutarla “a chiedere i diritti” per i suoi figli.

Sul caso è intervenuto Francesco Vozza, referente provinciale di Noi con Salvini, che promette battaglia: “Se dovesse essere vero quello che è stato denunciato dalle madri dei bimbi disabili dell’Istituto per Sordi, sarebbe la prova che oggi in Italia vengono prima i clandestini e vengono prima persino dei nostri disabili. Da oggi in poi staremo accanto alle famiglie dei bambini dell’Istituto e faremo il possibile affinché la struttura riapra.”



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -