Al Brennero anarchici da tutta Europa, poliziotto ferito

 

Il corteo contro la chiusura del confine al Brennero si è trasformato in guerriglia contro la polizia, con i black bloc e gli anarchici che hanno attaccato agenti e cronisti.

Nel primo pomeriggio circa 500 tra black block ed anarchici sono giunti al valico in treno e in auto da varie regioni d’Italia, ma anche da Germania, Austria e Spagna. Ma appena sono usciti dalla stazione, la manifestazione è degenerata: molte persone con volto coperto e vestiti di nero, hanno pronunciato slogan contro le forze di polizia e contro i giornalisti. Sono stati fatti esplodere anche alcuni botti. Poi i manifestanti hanno cominciato a marciare verso l’Austria.

Ad un certo punto, però, il corteo si è diviso in due tronconi: il primo ha cercato di abbattere le transenne che le forze dell’ordine avevano allestito per evitare che i dimostranti giungessero sui binari. I manifestanti hanno lanciato bengala ed oggetti esplodenti. A questo punto la polizia ha lanciato i lacrimogeni e un poliziotto è rimasto ferito. Alcuni cronisti sono stati colpiti dai gas lacrimogeni. IL GIORNALE

 



   

 

 

1 Commento per “Al Brennero anarchici da tutta Europa, poliziotto ferito”

  1. QUANTI VAGABONDI… IN ALTRI TEMPI CARICATI SUI CAMIO A SPALARE LA NEVE . O LA TERRA O RIMUOVERE I SASSI O RIPULIRE LE STRADE PIENE DI DETRITI DI CASE DAL TERREMOTO.-
    LA CARICA ADOPERATA IN ALTRE COSE UTILI.! “OTTIMO RANCIO” PER LA CARICA DI ENERGIE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -