Jobs act, Cgil: per 100mila posti di lavoro Renzi ha speso 6 miliardi di euro

 

renzi-jobs-act

Un risultato “sproporzionato”, “decisamente insoddisfacente”, quello che il Jobs act, fiore all’occhiello della politica del lavoro del governo Renzi, ha portato a casa: per creare poco più di 100mila nuovi posti ha speso – nel solo 2015 – 6,1 miliardi. Un risultato costi-benefici, dunque, “decisamente sproporzionato” che dimostra “la spaventosa inefficienza” della riforma. A fare i conti in tasca al governo è un Report Cgil.

Per il sindacato di Corso Italia, infatti, i 100mila nuovi posti di lavoro creati con i 6,1 mld andrebbero confrontati con gli 800mila posti persi dall’inizio della crisi, di cui il 60% a tempo determinato. Cifre queste, prosegue, che indicano ”una migliore tendenza, anche se con numeri insoddisfacenti”.

Le risorse messe in campo dal governo nel 2015 per stimolare l’occupazione, riassume la Cgil, derivano dalla somma del costo della decontribuzione – 3,4 miliardi di euro lordi (i contratti che hanno beneficiato dell’esonero sono stati circa 1,5 milioni) – con gli oltre 2,7 miliardi delle deduzioni Irap. Costi che, avverte il sindacato, nel 2016 e nel 2017 arriveranno rispettivamente a 8,3 e a 7,8 miliardi.

Per la Cgil, dunque, ”non si possono affidare al mercato circa 8 miliardi di euro all’anno nella convinzione che le imprese, attraverso l’abbattimento dei costi, siano capaci di aumentare il numero degli occupati”. Meglio impiegarli in investimenti pubblici e per creare direttamente occupazione, specie giovanile e femminile, generando così molti più posti di lavoro: “Stanziando dieci miliardi all’anno per tre anni, attraverso investimenti e assunzione diretta in settori non esposti alla concorrenza, si verrebbero a creare circa 740.000 posti di lavoro, tra pubblici e privati”, calcola ancora il sindacato di Corso Italia.

”L’unica modalità concepita dal Governo per uscire dalla crisi – conclude il dossier – sembra essere quella di abbassare salari, occupazione e diritti del lavoro, mentre per creare valore aggiunto occorre invece aumentare la quantità e la qualità del lavoro come della produzione”. ADNKRONOS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -