Erdogan alla UE: forse è bene che ognuno vada per la propria strada

 

MOGHERINI-ERDOGAN

La Turchia non modificherà la propria legge sul terrorismo nonostante questa modifica sia richiesta tra le condizioni per il trattato sui visti con l’Unione europea. “Andiamo avanti per la nostra strada”, ha detto il capo dello Stato, Recep Tayyp Erdogan, che ieri aveva silurato il premier Ahmet Davutoglu. “Ci chiedono di cambiare la legge sul terrorismo, ma si dimenticano che siamo sotto attacco da quattro fronti,” ha aggiunto Erdogan, che ha poi chiesto retoricamente all’Europa perché abbia permesso ai curdi siriani del Pyd di montare un gazebo, a marzo scorso, di fronte al Parlamento europeo: “Permettono a terroristi di fare propaganda e pretendono di farlo in nome della democrazia? Poi ci chiedono di cambiare le leggi contro il terrorismo, su questo non ci siamo capiti e forse è bene che ognuno vada per la propria strada“.

All’indomani della cacciata di Ahmet Davutoglu dalla guida del governo sembra, dunque, di essere di fronte a una battuta di arresto nei rapporti tra Ankara e Bruxelles.

“E’ troppo presto per dire se ci saranno conseguenze e di che tipo, i prossimi passi da compiere saranno discussi con le autorità turche” aveva dichiarato ieri l’AltoRappresentante per la politica estera dell’Ue, Federica Mogherini. Parole che denotano cautela: da un lato non è un mistero che a Bruxelles Davutoglu sia da sempre considerato una controparte più diplomatica e moderata rispetto a Erdogan.

Lo scorso 4 maggio la Commissione europea aveva invitato i Paesi membri a eliminare i visti per i cittadini turchi che vogliano recarsi nell’area Schengen. Un risultato che assumerebbe nel Paese un enorme peso politico, e che lo stesso Davutoglu ha spesso indicato come la principale contropartita dell’accordo che prevede il respingimento dei migranti in Turchia dalle isole greche. Ankara punta all’eliminazione dei visti già a partire dalla fine del prossimo giugno, circostanza alla quale è legato l’accordo sui respingimenti, dalla cui entrata in vigore gli sbarchi sulle isole greche sono diminuiti in maniera esponenziale.

L’eliminazione dei visti dipende ora dagli stati membri e dal Parlamento europeo, mentre ad Ankara, dove attendono l’ultima tranche dei primi 3 miliardi di euro previsti dall’accordo, minacciano di sospendere controlli e respingimenti. L’Europa ha bisogno della Turchia nella gestione della crisi rifugiati, la Turchia attende un segnale concreto che la riavvicini all’Europa e che le dia un punto di riferimento nella gestione delle crisi regionali e delle relazioni con la Russia. Ankara deve ora dimostrare che con l’uscita di scena di Davutoglu non è cambiato nulla.  http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Turchia-Ue-terrorismo-50a655a0-65eb-4066-9f87-755307e36454.html



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -