Rivolta del cibo atto 2°: Sempre cous cous no. Dateci anche gli spaghetti

 

Rivolta della pasta, capitolo secondo.

I profughi ospitati a Reggio Emilia che la scorsa settimana avevano messo in scena una protesta che aveva fatto scalpore: chiedevano il cambio del menu della mensa perché la pasta servita era giudicata “troppo scotta” e quindi immangiabile.

Sei giorni e moltissime polemiche dopo, il teatrino prosegue: come riferisce Il Resto del Carlino, nella città emiliana i migranti chiedono di poter trovare in tavola gli spaghetti. “Quello che ci danno da mangiare non è buono – dice un immigrato africano -. Ogni giorno cous cous o pasta, ma ogni tanto vorremmo cambiare e gustarci gli spaghetti.” “E’ vero, qui non ci servono piatti tipici africani, però quelli italiani sono buoni, non ci sono problemi».

«Ok la pasta – aggiunge il 25enne Khan Saeed, assieme a un suo connazionale, entrambi provenienti dal Pakistan -, ma il riso proprio non è cucinato bene. L’ho mangiato 2-3 volte in un mese: ho avuto problemi di digestione e sono stato male di stomaco». «Non va bene quello che ci servono in mensa – ammette Abdul Basi, 25 anni -. C’è troppa acqua nel riso e la pasta è troppo dura

Mentre la cooperativa che si occupa dell’accoglienza tenta di trovare una soluzione per accontentare le richieste degli ospiti, pare tramontata l’idea di assumere un cuoco pachistano che sappia soddisfare i gusti dei migranti. Troppe, anche in questo caso, le polemiche.  IL GIORNALE

«Stiamo parlando coi vari gruppi di profughi – spiega Luigi Codeluppi, presidente della Dimora d’Abramo – per capire qual è il reale problema, perché, in realtà, non è ancora emerso in maniera chiara. E non è in arrivo nessun cuoco pachistano. Anche perché altrimenti dovremmo chiamarne uno per ogni etnia che viene a mangiare alla mensa. E sono 15-16. Lo ripeto, qui il cibo varia ogni giorno ed è di ottima qualità».



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -