Australia: profughi incoraggiati a darsi fuoco per cambiare politiche di accoglienza

 

fuoco-donnaNuovo gesto estremo presso il centro di detenzione per richiedenti asilo di Nauru, l’isola del Pacifico dove l’Australia trattiene i migranti che cercano di arrivare nel suo territorio. Dopo il 23enne iraniano che venerdì scorso si è ucciso dandosi fuoco durante la visita di alcuni funzionari delle Nazioni Unite, ieri una 21enne somala si è immolata nello stesso modo per protestate contro le severe leggi australiane. Trasportata in un ospedale di Brisbane, la giovane è in condizioni gravissime con ustioni su tutto il corpo.

Tuttavia, secondo il ministro australiano per l’Immigrazione Peter Dutton i tentativi di suicidio a Nauru e Manus non faranno cambiare la politica del Paese. “Il governo non sarà influenzato dalla pressione pubblica, dalle proteste o dagli atti di autolesionismo”, ha detto Dutton, che ha accusato gli attivisti per i diritti dei migranti di incoraggiare “comportamenti che pensano possano far pressioni sul governo per il loro trasferimento in Australia. Questi comportamenti sono aumentati negli ultimi tempi, e come si vede, abbiamo azioni estreme con tragiche conseguenze”.

Peter Dutton, ministro per l’Immigrazione e la protezione dei confini ha reso noto che le autorità australiane ritengono responsabili di questi episodi gli avvocati e coloro che sono a contatto con i rifugiati che si trovano rinchiusi in queste strutture: “E’ seriamente preoccupante che questa persona sia ricorsa ad una misura di autolesionismo così estrema. Ho già espresso la mia rabbia e frustrazione agli avvocati e alle altre persone che sono in contatto con chi si trova nei centri di accoglienza regionali e che li incoraggiano a comportarsi in questo modo, credendo che questo genere di pressioni possa condurre il governo australiano a cambiare le sue politiche di accoglienza e delle misure di protezione dei suoi confini”. ADNKRONOS

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -