UE: povertà in crescita, numeri drammatici anche per l’Italia

 

Roma – Disuguaglianza e povertà in crescita all’interno dell’Unione europea, male l’Italia. Lo scrive EUNEWS.it

poverta

La disuguaglianza, tra il 2013 e il 2014, è cresciuta in quasi tutti gli Stati membri (salvo che Francia, Croazia, Lussemburgo, Ungheria e Malta). I dati sono leggibili nel dossier del Servizio Studi di Montecitorio e Palazzo Madama, dedicato alle previsioni economiche della Commissione Ue, pubblicato in occasione della recente audizione di Valdis Dombrovskis (Lettonia, PPE), Commissario competente per l’euro e il dialogo sociale, davanti alle Commissioni riunite Bilancio, Lavoro e Politiche Ue di Senato e Camera.

Nonostante i recenti miglioramenti, la disuguaglianza continua ad essere un problema particolarmente preoccupante anche in Bulgaria, Estonia, Grecia, Spagna, Lettonia, Lituania, Portogallo e Romania.

E per quanto riguarda l’Italia, i numeri che la contraddistinguono non sono certo idilliaci. Anzi, l’italia, con un indice di rischio povertà pari al 28,3% si pone ben al di sopra della media Ue-28, che e’ del 24,5 per cento.

E numeri non consolanti per Roma anche in rapporto alla condizione lavorativa della popolazione. In Italia più di un occupato su 10 (11%) era a rischio povertà nel 2014. E uno su 10 tra i pensionati. .

Alcuni numeri per l’ex treno Germania. A rischio povertà un lavoratore su 10, e il 16,6% tra i pensionati, a fronte di una media europea del 12,7%



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -