“La Banca d’Italia che deve tornare ad essere pubblica”

 

bankitaliaLa crisi del sistema bancario, generato da una vigilanza ‘a la carte’, con una Banca d’Italia di proprietà delle banche, che ne aveva sempre contrabbandato la stabilità, è principalmente dovuta ad una gestione scellerata del credito e del risparmio, che ha generato gli scandali Mps, Carige, Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e tanti altri di malagestio.

Per superare la crisi, occorrono riforme urgenti, con la Banca d’Italia che deve tornare ad essere pubblica, come in tutti i paesi del mondo, con una responsabilità oggettiva delle autorità di vigilanza, che qualora sbagliano devono pagare in solido anche con la galera; abrogare il ridicolo ostacolo alla vigilanza; ri-pubblicizzare le banche, anche con l’istituzione delle vecchie Bin, banche di interesse nazionale.

Ci auguriamo vengano accolte queste proposte, assieme a quelle di Giulio Sapelli, professore di storia economica all’Università degli studi di Milano, che riferendosi al caso della Popolare di Vicenza, ha affermato che il fondo Atlante è troppo piccolo, troppo poco capitalizzato per gestire la crisi dei crediti deteriorati e la soluzione per affrontare una montagna di 80 miliardi di sofferenze nette, resta la nazionalizzazione degli istituti in difficoltà e la creazione di una bad bank. AGI

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -