Siria, Mogherini: l’offensiva di Assad mette a rischio i negoziati

Qualcuno spieghi alla Mogherini che Assad è in casa sua e che la sua NON è un’offensiva, ma una difesa dai terroristi strapagati e ARMATI da potenze stranierie.
C’è qualcuno nel Pd capace di capire questo semplice concetto?

mogherini9“La nuova spirale di violenze e azioni che minano la cessazione delle ostilità, in particolare le più recenti offensive del regime siriano vicino Aleppo e a est di Damasco, mettono le discussioni di pace a rischio”. Così l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini, sottolineando che il ritorno ai combattimenti “sta solamente ritardando i negoziati che sono il solo modo per portare al pace alla popolazione della Siria”.

Per questo per l’Ue “la cessazione delle ostilità è indispensabile per creare un ambiente che consenta i negoziati e per un pieno, duraturo e spedito accesso umanitario in tutta la Siria” e, allo stesso tempo, “l’impegno delle parti alla cessazione delle ostilità è anche cruciale per concretizzare le misure di costruzione della fiducia concordate dal Consiglio di sicurezza Onu, in particolare il rilascio ti tutte le persone detenute in modo arbitrario, a partire da donne e bambini”. ANSA



   

 

 

1 Commento per “Siria, Mogherini: l’offensiva di Assad mette a rischio i negoziati”

  1. In Siria grazie all’intervento di Putin s’è visto chi sta dalla parte dei terroristi tagliagole: USA, Israele, Arabia Saudita, Quatar, Turchia, NATO e Unione Europea. Ma i politicanti continuano a raccontare menzogne illusi che i cittadini non sappiano la verità.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -