Ex presidente dello Yemen: “tra regime saudita e Isis non c’è differenza”

 

A seguito di migliaia di morti civili yemeniti per mano della coalizione saudita, l’ex presidente dello Yemen Ali Abdullah Saleh ha detto a RT che non vi è alcuna differenza tra il “regime saudita” e gruppi terroristici come lo Stato islamico o Al-Qaeda .

yemen

© Al-Malahem Media / AFP

In unintervista esclusiva a Rt, Ali Abdullah Saleh ha detto: “Una trama è stata ordita contro il popolo yemenita, un’aggressione irragionevole. Colpisce i militari, sono stati colpiti obiettivi economici, culturali e sociali, l’intero sistema di infrastrutture [è stato distrutto]. Una distruzione totale è in corso … sto parlando dell’aggressione saudita”.

L’ex presidente yemenita, che ha guidato il paese del Medio Oriente per decenni fino a febbraio 2012, ha detto che la sua nazione non ha alcun conflitto con alcun paese del mondo, tranne l’Arabia Saudita. “Ci hanno attaccato, non li abbiamo attaccati noi. Stanno uccidendo le nostre donne, i nostri anziani e i bambini. Perché? Non abbiamo mai avuto dispute religiose con loro. Perché appaiono proprio adesso? Noi abbiamo le nostre opinioni religiose, voi avete le vostre. Saleh si chiede perché  i sauditi stiano uccidendo gli yemeniti, che sono vicini e fratelli.   Inoltre ritiene che i principali gruppi terroristici siano tutti derivati ​​dall’organizzazione dei Fratelli Musulmani che, secondo lui, “sono un’invenzione dei sauditi.”

“Al-Qaeda, ISIL e Al-Nusra sono tutti  derivati ​​dei Fratelli Musulmani, gruppo inventato e cresciuto in Arabia Saudita. Queste organizzazioni, che operano anche in Russia e in Europa, sono nate tutte in Arabia Saudita. In seguito anche il Qatar e la Turchia hanno  iniziato ad usarle e le finanziano per raggiungere i loro obiettivi. Non esistevano prima in Yemen e all’improvviso sono apparse, provenienti dall’Arabia Saudita con nomi diversi, come salafiti, Fratelli musulmani, Al-Qaeda “.

Il politico ha aggiunto che, sia la Russia che l’Europ,a hanno l’idea sbagliata circa l’essenza del movimento dei Fratelli Musulmani. Essendo una “creazione” dell’Arabia Saudita, “non hanno alcun programma politico concreto, il loro programma è il denaro“, ha detto Saleh.

L’ex presidente, che ha un certo numero di forze fedeli, alleate con i ribelli Houthi che controllano la capitale yemenita di Sana’a, ha detto a RT che il danno arrecato al suo paese “ammonta a miliardi di dollari”.

“Più di 8.000 persone sono state uccise. C’erano un sacco di bambini, donne e anziani tra loro. E sto parlando solo del numero di vittime tra la popolazione civile. Inoltre, 27.000 persone sono rimaste ferite. Tutti sono vittime del regime saudita”.

L’ex presidente ha detto che il suo paese è stato devastato, è senza reddito e senza guadagni provenienti da petrolio o gas. Quest’ultimo è prodotto solo per le necessità domestiche, ha detto.

“E se c’è un po ‘ di petrolio, è controllato e venduto da Al-Qaeda in Hadramaut [una regione dello Yemen sul lato sud della penisola arabica] e a Shabwah [un governatorato nel centro dello Yemen]. Lo vendono sul mercato . Al-Qaeda prende tutti i soldi e questo avviene sotto gli occhi del regime saudita e del mondo, che non vuole capire nulla:.. ‘. Noi siamo contro al-Qaeda’. Tutti sanno che cosa è questo regime. … l’Arabia Saudita persegue solo i propri interessi. Si compra la coscienza delle persone, fa affari con la compravendita di armi, corrompe politici in diversi Paesi del mondo

L’ex leader dello Yemen ha anche detto che l’Arabia Saudita afferma che ci sono forze iraniane nello Yemen “per giustificare la sua aggressione”.
“Ci piacerebbe ricevere qualche aiuto militare e altri aiuti dall’Iran. Ma non ci sta aiutando”, ha detto Saleh, definendo la presenza dell’Iran nel suo paese una “finzione”. Gli Stati Uniti, che dicono di avere” i servizi segreti più potenti che lavorano in tutti i paesi e conoscono e vedono tutto”, in Yemen non hanno scoperto un solo militare iraniano e nessuna arma iraniana.

Saleh ritiene che il presidente esiliato Abd Rabbuh Mansur Hadi, le cui forze sono basate ad Aden, e che è sostenuto dall’Arabia Saudita, “non ha alcuna legittimità. “Dovrebbe “essere portato davanti al tribunale internazionale come criminale di guerra”, ha detto, aggiungendo che invece le forze di opposizione supportano solo il dialogo con il popolo dello Yemen.

Il futuro dello Yemen “non dovrebbe essere discusso né a Ginevra, né in Kuwait”, ha detto il politico, aggiungendo che lui ed i suoi sostenitori riconoscono solo l’unità del paese, conformemente alla sua costituzione, e il referendum popolare.

“In primo luogo, dovrebbe essere formato un governo di unità nazionale con la partecipazione di varie forze politiche e le nuove elezioni parlamentari e presidenziali devono essere preparate in Yemen in conformità con la sua costituzione. Ma non è la costituzione di Hadi, che ha diviso lo Yemen”, ha aggiunto.

L’ex presidente ha detto che non avrebbe mai più accettato di andare al potere perché ora è a capo di un partito di opposizione che è “in opposizione a qualsiasi potere in linea di principio“, cioé è in coalizione con altre forze “per la lotta contro gli aggressori”.

“Sono stato parte del processo politico per 45 anni. Per me è abbastanza” ha detto.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -