Germania sottomessa: censurato il Don Giovanni di Mozart per non “urtare” i turchi

 

La Germania censura Mozart. A uno dei teatri più importanti di Berlino è stato ordinato di modificare la parte del Don Giovanni nella quale il servitore del corteggiatore elenca a Donna Elvira le conquiste sessuali del padrone e le rispettive nazionalità.

merkel-velata

“In Italia seicento e quaranta, in Alemagna duecento e trentuna, cento in Francia, in Turchia novantuna”. L’ultima parte, però, è stata censurata. Al poste de “le turche” sono state introdotte “le persiane”. Questo per non urtare nè la sensibilità dei milioni di cittadini turchi e dei musulmani residenti in Germania, ma soprattutto per non creare incomprensioni diplomatiche con Erdogan, che negli ultimi mesi ha esercitato forti pressioni nei confrontid elle autorità tedesche e sui media perché l’immagine della Turchia ‘non venga pubblicamente sbeffeggiata’.

Gli antirazzisti velenosi, pavidi e proni al sultano turco (un po’ di dignità mai!),  si sono scatenati in difesa della sottomessa islamizzata cancelliera dicendo che a la Komische Oper ha adottato la versione tedesca dell’opera che da sempre prevede la parola “Persien”. Naturalmente si sono scagliati come iene contro l’autore dell‘articolo sul Fatto. I piu’ “intelligenti” si sono addirittura vantati di non aver letto la notizia su giornali tedeschi. Perbacco, si sono chiesti gli sveglioni, se la notizia è vera, come mai i giornalai crucchi non l’hanno pubblicata?

Addirittura c’è chi frigna dicendo che l’articolo, volutamente o no, ha dato la stura a tanti commenti razzisti, per di più nel nome di Mozart, sostenitore della fratellanza tra popoli!! Peccato che le parole originali del librettista Da Ponte siano cambiate e le turche siano diventate persiane! (e poco importa quale sia il motivo)

Fortunatamente, fra i commenti, ce n’è anche qualcuno ragionevole che dice senza mezzi termini: La Merkel, signora di grande cultura, di fatto è ricattata dai 3 milioni di arabi che lavorano in Germania. Esempio lampante di come l’integrazione degli immigrati sia la BALLA più grande del secolo. E su questa cosa: le persone ignoranti hanno ragione su quelle più colte.

Purtroppo gli antirazzisti non ci arrivano. Non è colpa loro ed è inutile infierire. Il califfo ISLAMICO, grazie alle teste di legno, ha già vinto.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -