Francia: Calais studia un muro per impedire l’accesso dei clandestini alla tangenziale

 

A Calais, in Francia, potrebbe sorgere un muro di fronte ai numerosi tentativi dei migranti di salire sui camion per raggiungere l’Inghilterra. Da circa un mese sulla tangenziale che conduce al porto i migranti cercano di fermare in ogni modo i tir gettando rami di alberi e traversine ferroviarie sulla strada. Senza soldi per la traversata, non hanno altra soluzione. I poliziotti li disperdono usando lacrimogeni.

Le autorità locali intendono costruire un muro lungo la tangenziale, di 4-5 metri, ricoperto di vegetazione, secondo il presidente del porto, Jean-Marc Puissesseau, e allargare le recinzioni esistenti.

Il sottoprefetto di Calais, Vincent Breton, conferma: “L’idea è estendere le recinzioni già esistenti su una zona di 300 metri e, a sud, lavorare alla costruzione di un muro sul quale stiamo riflettendo assieme alla città di Calais”.

Al progetto dovrebbe contribuire il governo britannico con il quale sono in corso trattative. La collocazione delle nuove recinzioni dovrebbe essere completata entro l’estate, il loro costo assieme a quello del muro si aggirerebbe attorno agli otto milioni di euro. EURONEWS



   

 

 

1 Commento per “Francia: Calais studia un muro per impedire l’accesso dei clandestini alla tangenziale”

  1. Purtroppo in Europa non si ha il coraggio di affrontare il “toro” per le corna. (“per quali impedimenti”.?) Si prende “protezione” al male . Ma ninte viene fatto per curare l’Origine..- = Ecco perchè in tutti i giornali si parla della quantità dei ricercatori.??? UNA TOPPA.???

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -