New York Times: “Gli Usa lanciano la cyberguerra contro Isis”. Addirittura!

Lo storico statunitense Webster Tarpley: “non vi è alcun  interesse a spegnere la propaganda dello Stato islamico sul web. Tutte le principali società di Internet risiedono negli Stati Uniti e quindi la Casa Bianca potrebbe facilmente limitare, se non chiudere, la presenza dello Stato islamico su Internet, se solo lo volesse.

Ora fanno finta di lanciare addirittura una cyberguerra!!

cyberwar

Gli Stati Uniti hanno aperto una nuova linea di guerra contro lo Stato islamico, affidandone la regia al Cyber ​​Command. Per la prima volta, accanto alle armi tradizionali verranno utilizzate quelle cibernetiche. Lo riferisce il ‘New York Times’, svelando che secondo alcune fonti del quotidiano, sarebbe stato lo stesso presidente Barack Obama a sollecitare il ricorso a questo tipo di intervento. La Nsa (National Security Agency), specializzata nella sorveglianza elettronica, per anni ha spiato i militanti dello Stato Islamico, e queste relazioni, rivela il NYT, sono spesso parte del briefing di intelligence quotidiana del presidente.

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

Il Cyber ​​Command, che è la controparte militare della Nsa, si è però concentrata prevalentemente sul altri Paesi come Russia, Cina, Iran e la Corea del Nord – dove gli attacchi informatici contro gli Stati Uniti sono più frequenti – e finora non ha gestito nessuna operazione contro quella che è diventata la più pericolosa organizzazione terroristica del mondo. Oggi Obama sarà ad Hannover per partecipare a un summit con i leader di Gran Bretagna, Francia, Italia e Germania, e all’ordine del giorno ci sarà il terrorismo e la guerra allo Stato Islamico.

L’obiettivo della cyberguerra, spiega il quotidiano americano, è quello di distruggere la capacità dello Stato Islamico di diffondere i suoi messaggi per ottenere nuovi adepti, far circolare ordini dai comandanti e svolgere le funzioni quotidiane per le quali l’Is ha nella rete uno strumento indispensabile. Il piano prevede anche l’imitazione dei comandanti dell’Is e la modifica dei loro messaggi, in modo da reindirizzare i militanti verso le zone più vulnerabili agli attacchi di droni americani o forze di terra locale. ADNKRONOS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -