Il paparazzo dei migranti vince il Pulitzer con una foto-bufala

 

Pulitzer

Lo scatto che ha fatto vincere il Pulizer a Reuters e al New York Times racconta una bugia. Nella foto si vede una famiglia di migranti stesa sui binari in Ungheria: l’uomo abbraccia la moglie, come per proteggerla, lei stringe il loro bimbo di pochi mesi tra le braccia. Tutto attorno si vedono poliziotti ungheresi nell’atto di avventarsi verso la coppia, brandendo minacciosamente i manganelli. La foto, pubblicata sui giornali di tutto il mondo, aveva destato scalpore: in molti si erano immedesimati con la povera famiglia vessata e indignati per l’atteggiamento prepotente e violento della polizia ungherese. L’autore dello scatto è il fotografo Laszlo Balogh, che assieme a quattro colleghi ha vissuto quaranta giorni con i migranti, seguendo il loro lungo cammino dalla Grecia alla Svezia. Le fotografie scattate durante queste settimane hanno commosso il mondo e fatto guadagnare al team di giornalisti l’ambito premio Pulizer. Tuttavia, la verità sembra essere un’altra.

La verità – L’interpretazione dello scatto di Laszlo Balogh, che ha fatto il giro delle testate di tutto il mondo, viene smentita in un video che Euronews ha pubblicato in questi giorni. Il video riprende gli attimi prima dello scatto, in cui si vede chiaramente l’uomo che spinge in malo modo la moglie con il figlio in braccio fino a farla cadere sui binari. I poliziotti ungheresi cercano di intervenire, e in questo momento viene scattata la foto vincitrice del Pulizer, mentre l’uomo si avvinghia contro la donna e cerca di allontanare le forze di polizia. Nel video si vede la donna stessa che cerca di allontanare il marito mentre il neonato scoppia a piangere spaventato. Gli agenti ungheresi riescono a immobilizzare l’uomo che però si attacca alla moglie mordendola. A questo punto, le forze dell’ordine lo trascinano via in manette, aiutando poi la donna a rialzarsi. Il video si chiude con l’immagine di lei che culla il neonato cercando di calmarlo, scortata dalla polizia ungherese. LIBEROQUOTIDIANO

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -