Migranti, il medico di ‘Fuocoammare’: “Andiamoli a prendere per evitare altri morti”

 

bartolo

“Purtroppo quella di oggi non sarà l’ultima strage di migranti nel Canale di Sicilia. Ne avremo altre ancora, il problema è che bisogna farlo capire a chi non lo capisce che bisogna prendere subito dei provvedimenti. Andiamoli a prendere noi, solo così eviteremo altri morti. Basta, per favore, basta con questi morti. Avviamo i canali umanitari”. Lo ha detto all’Adnkronos Pietro Bartolo, il medico protagonista di ‘Fuocoammare’ di Gianfranco Rosi, vincitore dell’Orso d’Oro di Berlino, che proprio oggi ha partecipato a Roma all’incontro con Mattarella con i candidati al David di Donatello. “Andiamoli a prendere – dice ancora – e visto che non è possibile farlo dalla Libia, allora facciamolo dalla Tunisia con cui l’Italia ha buoni rapporti”.

“Abbiamo l’Unhcr o le associazioni – dice ancora Bartolo – lo so che ci saranno molte resistenze, perché c’è chi ci guadagna, ci sono tanti trafficanti di uomini. Ma non possiamo farli morire. E’ inutile che oggi diciamo ‘lo avevo detto’. Non basta. Bisogna agire”. “Prima i trafficanti usavano barche migliori – dice ancora – adesso usano gommoni usati, guadagnandoci tantissimo”. E l’Europa che può fare? “Da un lato l’ue alza i muri – spiega Bartolo – e dall’altra partecipa con Frontex per salvarli, anche a 130 miglia di distanza. Si mettano d’accordo per capire cosa vogliono fare, noi lo abbiamo sempre fatto a Lampedusa. Abbiamo fatto sempre il massimo con mare Nostrum, noi siamo presenti, e non abbiamo mai messo muri. Anzi”. ADNKRONOS

AFRICA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -