Gli USA contro l’Egitto: non rispetta i diritti umani

 

el-sisi

In Egitto ci sono casi di “persone torturate a morte e altri sospetti di uccisioni in prigione e in centri di detenzione”. E’ questa la durissima accusa che viene all’Egitto del presidente Abdel Fattah al Sisi dal Dipartimento di Stato degli Stati uniti, che ha pubblicato oggi il suo annuale rapporto sui diritti umani nel mondo relativo al 2015.

Il rapporto, che analizza la situazione paese per paese, non risparmia gli alleati degli Usa, tra i quali la Turchia del presidente Recep Tayyip Erdogan e l’Egitto del regime di al Sisi, al quale l’Italia sta chiedendo verità sulla morte del giovane ricercatore dell’Università di Cambridge Giulio Regeni. Nel rapporto presentato oggi si parla di casi di “persone torturate a morte” e di sospette “uccisioni in prigioni e centri di detenzione”. In particolare nel rapporto si citano notizie provenienti da organizzazioni non governative e dalle Nazioni unite relative alla sparizione di centinaia di egiziani scomparsi dalla rivoluzione del 2011. (Con fonte Afp)

DIRITTI UMANI NEGLI USA? VEDIAMO

More Than 6,000 Black Men Beaten, Abused at Chicago Police Torture Site

https://www.hrw.org/world-report/2015/country-chapters/united-states

La condizione nelle carceri USA

http://www.ristretti.it/commenti/2011/gennaio/pdf4/giusti_articolo.pdf

https://www.amnesty.org/en/documents/amr51/019/1999/en/

http://www.refworld.org/docid/3ae6a9c5c.html

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -