Lambrate, (finto) profugo in piazza: “Uccido tutti i bambini”

 

Ha urlato che avrebbe ucciso i bambini presenti in piazza e ha minacciato di morte il poliziotto fuori servizio intervenuto per calmarlo. Alla fine è stato fermato: non era la prima volta che terrorizzava i passanti. E’ successo in piazza dei Vigili del Fuoco (quartiere Rubattino) giovedì 7 aprile, in pieno pomeriggio, intorno alle quattro ma la notizia è emersa solo oggi.

Un momento in cui, nella piazza, ci sono molte persone e diversi bambini che giocano. L’uomo si è “materializzato” e ha cominciato a gridare la frase choc: “Uccido tutti i bambini”. Inevitabile il fuggi fuggi generale, inevitabile il grande spavento. Tra le persone in piazza anche un agente di polizia fuori dal servizio, che ha deciso di intervenire e si è avvicinato all’uomo, per cercare di calmarlo, portandolo lontano. L’uomo ha minacciato di morte anche lui (“ti ammazzo”), ma stava già arrivando una pattuglia di polizia (commissariato Lambrate) insieme ad un’ambulanza.

In breve l’uomo è stato quindi fermato e portato all’ospedale per le verifiche sul suo stato psico-fisico. Forse aveva bevuto troppo, anche se – a quanto si dice – non era la prima volta che aveva comportamenti strani in pubblico. Intanto è scattata l’indagine per resistenza a pubblico ufficiale e minacce. Identificato, si tratta di un cittadino palestinese di 35 anni: è arrivato in Italia da poco e, nel 2015, ha presentato richiesta di asilo politico, per cui ha un permesso di soggiorno temporaneo in attesa che la sua domanda venga esaminata.

lambrate.milanotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -