Tagli di 2 miliardi sulle pensioni, proteste in Grecia

 

Ieri in Grecia sciopero nazionale di 24 ore contro la riforma pensionistica del governo di Alexis Tsipras. Alla protesta indetta dalle organizzazioni dei dipendenti pubblici hanno aderito anche i controllori del traffico aereo e i media.

Il governo greco sta negoziando con i suoi creditori tagli per oltre 5 miliardi di euro, quasi 2 miliardi sono quelli relativi alle pensioni, mentre il tasso di disoccupazione sale al 24,4%.

“Se il governo vuole può trovare i soldi per le pensioni – sostiene una pensionata di Atene – Non deve piegarsi ai creditori e deve smettere di pagare il debito, invece di continuare a tartassare le persone che lavorano”.

“La gente aveva riposto tutte le proprie speranze nel governo Syriza – dice un lavoratore della capitale greca – Ora purtroppo, i greci si rendono conto che fa quello che hanno fatto tutti i governi precedenti”.

La Grecia ha bisogno di riforme – ribadisce la direttrice generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde – Gli europei, però, devono mostrarsi più sensibili rispetto al debito greco.

“I lavoratori del settore pubblico non sono i soli a protestare contro la riforma pensionistica del governo – conclude il corrispondente di euronews ad Atene, Stamatis Giannisis – Obiezioni simili sono state espresse anche dai lavoratori del settore privato. Entrambe le parti minacciano nuove e più dure proteste quando il disegno di legge concordato con i creditori internazionali arriverà in parlamento”. EURONEWS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -