Migranti, il CARA di Mineo è uno scandalo da 50 milioni di euro all’anno

 

 

Un tempo villette per i militari americani di stanza a Sigonella, poi crocevia di interessi politici e malavitosi, in cui il sospetto di appalti guidati e assunzioni telecomandate si intreccia con quello di compravendita di voti e speculazione sulla pelle dei disperati. Insiders vi porta questa settimana dietro le quinte del CARA di Mineo, il centro d’accoglienza per richiedenti asilo in provincia di Catania, da mesi al centro di un mastodontico scandalo, che sempre più sembra delineare un ormai diffuso “business dei migranti”.

Le carte della Procura di Caltagirone suggeriscono che se i tempi si sono allungati è anche a causa del business da capogiro: 35 euro al giorno di indennità statali per ogni richiedente asilo che, moltiplicati per la capienza massima di 4.000 persone, fanno quasi 50 milioni all’anno. Le cifre non sembrano corrispondere con le condizioni denunciate dagli ospiti del centro.

In una dettagliata audizione alla “Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza e identificazione dei migranti nei centri d’accoglienza”, già lo scorso marzo il Procuratore capo di
Caltagirone, Giuseppe Verzera, aveva illustrato nel dettaglio le ombre sul processo di assegnazione dell’appalto per la gestione del CARA di Mineo, da parte della commissione giudicante in cui tra gli altri siedeva anche Luca Odevaine.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -