L’Angola finisce nelle grinfie del Fondo Monetario

 

fmi

L’Angola ha formalizzato una richiesta di aiuti al Fondo monetario internazionale, un passo divenuto necessario a causa dello shock economico causato nel Paese dal crollo dei prezzi del petrolio. “Abbiamo ricevuto una domanda dalle autorità angolesi per avviare discussioni su un programma che si baserebbe sull’assistenza finanziaria del Fmi”, ha riferito uno dei vicedirettori dell’istituzione di Washington, il cinese Min Zhu.

Il Fondo monetario all’assalto dell’Angola “abbassare i salari” (creare piu’ povertà)

L’Angola dice addio al dollaro, il Fmi parte all’attacco

L’Angola dice addio al dollaro. Dagli Usa partono subito accuse di corruzione

Per parte loro, le autorità del Paese richiedente si sono dette pronte a collaborare con il Fmi sul risanamento del bilancio. L’Angola è il secondo maggiore produttore di petrolio dell’Africa ma è anche un Paese martoriato da decenni di guerra civile. Tanto che tra 2009 e 2012 ha già ricevuto assistenza finanziaria dal Fmi per 1,2 miliardi di dollari.

Il 17 aprile a Doha, in Qatar, i maggiori produttori mondiali di oro nero terranno un vertice il cui obiettivo è concertare un congelamento di produzione ai livelli del gennaio scorso, per tentare di contrastare l’eccesso di offerta che dalla metà del 2014 ha fatto cadere a precipizio i prezzi. (fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -