Debito mostruoso di Roma Capitale, unica possibilità è il “fallimento”

(Codacons) – Procedura prevista dall’articolo 244 del testo unico degli enti locali

Di fronte al debito mostruoso di Roma Capitale, l’unica possibilità per salvare il Comune è ricorrere alla procedura del “fallimento”. Lo afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, candidato a sindaco della capitale.

tronca

“Oramai lo stato di dissesto di Roma non è più accettabile, con il debito che ha raggiunto quota 12 miliardi di euro e il concreto rischio di gravi problemi di liquidità futura per il Campidoglio – spiega Rienzi – Esiste tuttavia una norma che, in caso di situazione di dissesto di un comune, consente di ricorrere all’istituto del fallimento: si tratta dell’ articolo 244 del Testo unico degli enti locali, secondo il quale si ha dissesto finanziario quando un ente non è più in grado di assolvere alle “ordinarie” funzioni ed ai servizi definiti indispensabili, e quando nei confronti dell’Ente esistono crediti di terzi ai quali non si riesce a far fronte”.

Altri comuni importanti, come quello di Alessandria, hanno fatto ricorso al fallimento per ripianare la propria situazione critica – ricorda il Codacons – Per tale motivo, di fronte ai preoccupanti numeri sul debito di Roma, l’unica strada percorribile è quella del fallimento, che non equivale ad un danno per la città ma, al contrario, ad un serio percorso di risanamento dei conti e del bilancio. AGI

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -